Il Prodotto Il Baliatico

Il Baliatico

  • possedere una batteria certificata: è possibile

Una batteria o una botte possono essere certificate per la produzione di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. solo se sono iscritte alla filiera, se sono in territorio di Modena e se hanno un titolare che è responsabile della sua conduzione.

Le abitazioni, purtroppo, sono oggi di dimensioni piccole e non sempre permettono la possibilità di tenere e curare una batteria di botti. La “batteria” rappresenta, d’altra parte, un mondo di emozioni, ricordi, orgoglio e passioni che ne fanno oggetto di desiderio ed è considerata come “Status Symbol” anche al di fuori del territorio di origine. Succede spesso che visitatori da ogni parte del mondo, così come italiani residenti sul territorio o anche modenesi in un momento importante della loro vita, esprimono il desiderio di acquistare batterie di Balsamico per destinarne la produzione al consumo famigliare o a regalie “di alto livello”. È risaputo però che una volta fuori dal territorio di Modena o da un ambiente certificato, il prodotto perderebbe la denominazione, il diritto di imbottigliamento nella bottiglietta legale e, probabilmente, la sua stessa qualità.

Non è cosa nuova: anche il Re Vittorio Emanuele II e il conte Cavour, il 4 maggio 1860 in visita a Modena per l’annessione del Ducato Estense al Regno Sabaudo, restarono ammaliati delle caratteristiche dell’elisir modenese e decisero di trasferire l’acetaia del Duca a Moncalieri. Non avendo però nessuno a disposizione con la giusta esperienza per manutenerla, di quella acetaia si è persa ogni traccia.

Il fascino dell’acetaia è tale che oggi, di frequente, chi vuole acquistare una batteria produttiva e certificata fa un contratto vero e proprio con il produttore di sua fiducia che nel futuro garantirà il mantenimento e la certificazione della batteria stessa. A volte vengono acquistate botti o batterie per lasciarne l’usufrutto a qualcuno che possa seguirne l’attività, come è successo tante volte per i ragazzi della scuola “La Lucciola” di Stuffione di Ravarino.